Reiki Healing

Se si vuole trovare i segreti dell’universo, bisogna pensare in termini di energia, frequenza e vibrazioni.

Nikola Tesla

 

Il Reiki è una disciplina bionaturale di tipo energetico che viene praticata in tutto il mondo come strumento di auto-guarigione e di crescita personale da oltre 40 anni. Agli inizi del 1900 un monaco buddhista giapponese riscopre questa antica arte di connessione con l’energia vitale universale e inizia a diffonderla come strumento per la promozione del benessere psicofisico e l’equilibrio interiore.

In occidente il reiki è prima entrato a far parte delle medicine alternative ed è stato messo sotto la lente di indagine della ricerca scientifica. Attualmente è un servizio di medicina complementare proposto nei presidi ospedalieri che aderiscono alla sperimentazione e all’impiego delle discipline bionaturali.

In Italia non sono ancora molti gli ospedali aderenti, ma dove è presente il reiki viene impiegato per diminuire gli effetti psicoemotivi e psicosomatici dello stress e per migliorare la capacità di recupero post-trattamento sanitario (ospedali in cui è attivo).

Anche se ancora ci sono dei pareri contrastanti sull’importanza e sul  valore del reiki come pratica di medicina complementare, le persone che lo hanno provato affermano di percepire dei benefici immediati e degli effetti positivi sia a livello fisico, emotivo che mentale (testimonianze).

 

AMBITI DI APPLICAZIONE

  • allevia i dolori fisici
  • rigenera i tessuti
  • disintossica l’organismo dalle tossine
  • riduce i malesseri psicosomatici
  • potenzia e regola la circolazione energetica dell’organismo
  • bilancia le funzioni del sistema endocrino, circolatorio, linfatico, digerente, urinario
  • regola le funzioni del sistema nervoso simpatico e parasimpatico
  • rafforza il sistema immunitario
  • riduce gli effetti legati allo stress ossidativo
  • aumenta il livello di resilienza
  • regola il tono dell’umore
  • migliora il senso di benessere globale 

GUIDA AL SERVIZIO

Il reiki può essere impiegato per effettuare trattamenti di tipo diverso che rispondono alle esigenze e ai bisogni specifici della persona che ne fa richiesta. A livello fisico i trattamenti reiki  favoriscono la capacità del corpo di rigenerarsi e disintossicarsi. Mentre a livello emotivo e mentale favoriscono un rilassamento progressivo e un senso di calma sempre maggiore. Questo influisce sulla regolazione dell’umore, la diminuzione dell’ansia e dell’irritabilità.

Durante una seduta reiki, a prescindere dal tipo di trattamento che viene effettuato, l’operatore invita la persona a rilassarsi, entrare in uno stato meditativo e stare in contatto con il proprio mondo interiore. Questo permette di coltivare uno stato di presenza e di accoglienza delle proprie percezioni, sensazioni, emozioni e pensieri che emergono momento dopo momento. Portare attenzione consapevole a ciò che percepiamo e sentiamo permette di armonizzare i piani del sé, permette di allineare il piano fisico, emotivo e mentale facilitando i processi di scambio e recupero dell’energia vitale.

Infatti secondo l’approccio integrato che abbraccia una visione globale ed unitaria dell’essere umano, lo stato di salute e benessere è connesso al grado di vitalità, coerenza, armonia ed equilibrio presente nel sistema stesso. L’essere umano è qui considerato un macrosistema costituito da sottosistemi di natura diversa che si modulano e regolano a vicenda grazie ad uno scambio continuo di informazioni.

Queste informazioni possono essere di  natura chimica, elettrica o elettromagnetica. Il reiki utilizza il canale elettromagnetico per immettere informazioni utili al sistema per riequilibrare il proprio stato energetico e vitale. La parola reiki in effetti significa “unione tra l’energia vitale universale (REI) e la energia vitale di ogni essere vivente (KI)”. L’energia vitale è un concetto globale che può essere percepito sul piano energetico, fisico, emotivo e menale.

Il passaggio di energia vitale tra l’operatore e la persona avviene attraverso il tocco delicato delle mani in punti specifici del corpo. Il flusso di energia può essere facilmente percepito dalla persona attraverso varie sensazioni fisiche. Le più comuni sono il calore e il formicolio, ma in alcuni casi è possibile percepire una sensazione di freddo o fresco.

MODALITA’ E DURATA

Il primo colloquio di conoscenza serve per comprendere il tipo di trattamento più opportuno per la persona. In linea generale possiamo distinguere due tipi di percorsi.

Il percorso di reiki healing è appropriato per facilitare il riequilibrio fisico in presenza di dolori o alterazioni funzionali. Le sedute hanno una cadenza frequente e una durata di circa 30-45 minuti.

Il percorso di reiki conuseling è appropriato per raggiungere un’armonia e un equilibrio globale, aumentare la consapevolezza e sciogliere blocchi energetici. Questo percorso è indicato per chi desidera intraprendere un cammino di crescita interiore e migliorare  il livello di  vitalità e di energia disponibile sul piano fisico, emotivo e mentale. Le sedute hanno una cadenza meno frequente e una durata di circa 1 ora e 30 minuti.

Ogni seduta reiki è scandita da tre momenti: il colloquio iniziale, il trattamento e la restituzione. Nel colloquio iniziale l’operatore chiede alcune informazioni essenziali che lo guideranno nello svolgimento della seduta.

Nella fase di trattamento la persona è invitata a rimanere comodamente vestita, a sdraiarsi sul lettino, rilassarsi e entrare in contatto  profondo con se stessa. A questo punto l’operatore entra in uno stato di meditazione, si collega con il campo di coscienza dell’energia universale e prende contatto con la persona attraverso un tocco delicato delle mani.

Nella fase di restituzione l’operatore e la persona condividono la propria esperienza con l’intento di dare significato alle sensazioni sottili percepite e portare chiarezza a ciò che è emerso.