Condividi su:
Facebook0
Facebook
LINKEDIN600
Google+20
Google+
TWITTER

La scienza indaga l’antica saggezza buddhista – I parte

Il rigore del metodo scientifico che si caratterizza per essere oggettivo, replicabile, misurabile ha da alcuni anni orientato il suo focus di ricerca su una pratica millenaria capace di trasformare alla radice la mente e il pensiero.

Negli anni ’60 con il progredire della strumentazione di ricerca medica (elettroencefalogramma e biofeedback), con il fermento culturale del post dopoguerra l’umanità stava aprendo nuovi orizzonti e in questi nuovi orizzonti arrivava l’oriente con la sua ricerca di senso e di un’innata spiritualità.

Arriva in occidente la meditazione ciò che attualmente è conosciuta come mindfulness e il mondo inizia a sedersi a gambe incrociate o su una comoda sedia, chiudere gli occhi, portare la piena attenzione al respiro e a tutto ciò che accade nel momento presente.

Molto semplice vero? Ma gli effetti sul cervello sono strabilianti…

Poco si poteva conoscere nei primi anni con il metodo scientifico. Alcuni correlati delle onde cerebrali, la modulazione del sistema nervoso autonomo, ma ancora non si poteva conoscere l’impatto che la meditazione aveva sulla ristrutturazione dei circuiti cerebrali.

Con l’avvento delle nuove tecniche di neuroimaging (risonanza magnetica funzionale ad immagini, FMRI) fu evidente come l’utilizzo della meditazione conduce l’intero cervello a modificazioni morfologiche e funzionali. Oggi sappiamo infatti che il nostro cervello è dotato di plasticità neuronale.

Ciò che la filosofia buddhista aveva indagato per secoli e secoli veniva corroborato dalla ricerca scientifica portando in auge una pratica che è realmente in grado di portare la mente a ritrovare l’equilibrio e l’armonia per promuovere un benessere globale; cioè dell’intero sistema psicosomatico.


Bibliografia:

Cangi, Valentina (2008). Neuro-meditazione: un cammino verso la sorgente del Sè. Università degli Studi di Firenze.

Kabat-Zinn, Jon, Davidson, Richiard, Tenzin, Gyatso (Dalai Lama) (2015). La meditazione come medicina. Scienza, mindfulness e saggezza del cuore. Mondatori

Siegel, Daniel J. (2011). Mindsight. La nuova scienza della trasformazione personale. Raffaello Cortina Edizioni.

 

 

 

 

Condividi su:
Facebook0
Facebook
LINKEDIN600
Google+20
Google+
TWITTER